Quale brand per le terre d’incontro?




terre d'incontro

Terre d’incontro. Martedì 1 dicembre 2015, al Green Bar di Tortona si è tenuto un Aperitivo Itinerante in cui si è discusso di Incoming turistico.

La partecipazione è stata, come al solito molto sentita, si è discusso molto. Erano presenti associazioni, operatori turistici, qualche ambasciatore del territorio, realtà produttive e commerciali e anche un privato cittadino: ciclo-turista per passione, sta valutando l’ipotesi di spingersi fino alle Terre d’incontro con il suo gruppo di cicloamatori che solitamente percorre le strade dell’Oltrepò Pavese.

Si è discusso di offerta turistica, vista la presenza di un tour operator interessato a portare le gite turistiche sul nostro territorio. I partecipanti all’incontro, dopo un non facile dibattito, sono arrivati ad alcune conclusioni:

  • I turisti saranno i benvenuti se saranno in sintonia con lo spirito delle Terre d’incontro. Saranno da invitare persone che amino la natura e la rispettino. Il nostro territorio è caratterizzato da una natura molto ben conservata e tale dovrà rimanere in futuro;
  • Bisogna evitare il turismo di massa che per taluni luoghi è stato deleterio e li ha snaturati. Noi oggi abbiamo la possibilità di fare tesoro degli errori strategici di altre zone, quali alcune zone della Toscana o del Piemonte orientale. Lo sviluppo turistico non deve essere l’unico fine da raggiungere anche a scapito del paesaggio e, soprattutto, della conservazione della biodiversità.
  • Il brand delle terre d’incontro dovrà puntare proprio alla biodiversità e alla tranquillità dei nostri luoghi che andranno certamente migliorati il più possibile ma senza perdere di vista i valori che ci contraddistinguono. Non dobbiamo seguire gli altri ma puntare soprattutto sulla nostra unicità;
  • La domanda di turismo, ci ha segnalato il tour operator, sta sempre più convergendo verso le nostre necessità e possibilità di offerta. Sono sempre più i turisti che tra le caratteristiche di una destinazione turistica, ricercano la natura incontaminata, la possibilità di fare gite nei boschi, vivere a contatto con la natura ed assaporare i sapori enogastronomici unici del luogo che li ospita. Il “turismo di massa” sembra dunque in declino, a favore di un turismo più diversificato e specifico;
  • Lo sviluppo dell’accoglienza, necessario all’incremento turistico, è un tema molto delicato. Su questo argomento si sono trovati tutti d’accordo: non è necessario costruire nuovi edifici ma puntare al recupero di quelli esistenti. La realizzazione di alberghi diffusi sarà una opportunità per non lasciare inutilizzato il patrimonio immobiliare esistente. Sarebbe assolutamente un controsenso cementificare nuove parti di territorio. La parola d’ordine, anche in questo caso è conservazione;
  • Il nostro territorio è in grado di offrire qualche evento di buon rilievo (Arena Derthona, La Mitica, Artinfiera, le Sagre di Garbagna, la Biennale di Volpedo, ecc…). Sono tuttavia eventi troppo puntuali che da soli non sono in grado di garantire la continuità della proposta turistica, pur costituendo una buona base di partenza.
  • La visita ai nostri luoghi, soprattutto per i turisti stranieri, dovrà essere inserita in un ventaglio di offerte più ampio e che comprenda la visita anche ad altri luoghi quali il mare o le metropoli a noi vicine.

I partecipanti all’Evento organizzato dal gruppo facebook “Tortona e colli tortonesi. Turismo & Cultura” sono rimasti molto soddisfatti e si sono dati appuntamento per un altro incontro da fare a breve per parlare ancora un po’ del brand in cui inserire le Terre d’incontro. E’ necessario che gli attori turistici del territorio riescano a fare sistema tra loro, almeno quanto è necessario che ognuno nella sua offerta dia il massimo valore possibile. Per questo è necessario incontrarsi e confrontarsi, anche e soprattutto senza peli sulla lingua. Solo attraverso il dialogo si possono esprimere le proprie esigenze, confrontarle con quelle degli altri e dedicedere una strategia comune, una strategia di Destinazione turistica.Aperitivo Itinerante di dicembre

Foto Sarax15; guida turistica di “Tortona e tortonese. Terre d’incontro”.

2 Responses to "Quale brand per le terre d’incontro?"

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.