PSA – Anche il Comune di Tortona ha aderito al Comitato spontaneo #fuoridipeste

Il Comitato #Fuoridipeste chiede l’adozione di un protocollo che consenta la riapertura delle attività outdoor, oggi ancora vietate in Piemonte.

Nella riunione di martedì 12 aprile la Giunta Comunale di Tortona ha deciso di aderire al Comitato spontaneo #Fuoridipeste per la completa liberalizzazione delle attività outdoor del territorio sottoposto alle ordinanze per contenere il contagio della peste suina africana. La crisi sanitaria dovuta alla PSA e le limitazioni imposte da Governo e Regioni hanno infatti messo in crisi il percorso di crescita turistica e di promozione del territorio, impedendo di fatto tutte le attività legate al trekking e alle attività all’aperto in boschi e parchi, un ambito già in difficoltà dopo due anni di pandemia.

Scopo del Comitato, promosso dal tortonese Francesco (Checco) Galanzino, è quella di sostenere l’adozione di un protocollo di comportamenti che, pur riconoscendo la gravità della situazione legata alla PSA, consentirebbe di riprendere l’attività oudoor in piena sicurezza.

In particolare, si propone:
– la fissazione di un incontro periodico con la Struttura Commissariale al fine di garantire il costante aggiornamento, la consultazione e la collaborazione da parte del territorio;
– una tempestiva ridefinizione della zona “rossa” coincidente con gli effettivi ritrovamenti di carcasse positive;
– la completa liberalizzazione delle attività outdoor al di fuori della zona rossa, senza vincoli;
– la completa liberalizzazione delle attività outdoor all’interno della zona rossa previa l’adozione di apposito protocollo.

Nella sostanza il protocollo di comportamento prevede il divieto di portare con sé cani e di abbandonare cibo e la completa pulizia e disinfezione di scarpe e ruote delle biciclette al termine dell’attività. Sarebbero consentite tutte le attività debitamente autorizzate, compresa la manutenzione dei sentieri, mentre in caso di ritrovamento di carcassa di animale vi sarebbe l’impegno a non toccarla mantenendo una distanza di almeno 5 metri e segnalarla alle autorità anche tramite foto e geolocalizzazione. Il protocollo sarebbe a disposizione, per la sua diffusione, di tutti gli enti del territorio e anche di alberghi, ristoranti e pubblici esercizi.

Al momento, la petizione online per adottare il protocollo ha raccolto circa 10 mila firme, mentre al Comitato hanno aderito decine di enti pubblici (fra cui diversi Comuni del Tortonese), associazioni di categoria, associazioni outdoor e operatori economici

Nella foto: Checco Galanzino con il Sindaco Federico Chiodi

Commenta con Facebook


Iscriviti alla Newsletter di Tortona Oggi

Se ti iscrivi alla nostra Newsletter riceverai due numeri speciali a Natale e il Primo aprile. Siamo contro lo spam, per ora abbiamo in programma solo queste due spedizioni. Saranno edizioni molto curate e di qualità, delle vere chicche da non perdere. Saranno distribuite in anteprima esclusiva solo agli iscritti della nostra Newsletter.

Il servizio di newsletter consiste nell'invio di comunicazioni elettroniche a seguito della espressa richiesta del destinatario, per cui compilando ed inviando il seguente modulo ci darai automaticamente il consenso ad utilizzare i tuoi dati per questo scopo.