Il Parco del Ciclismo dei Colli di Coppi

Questo articolo di Dario Canciani socio fondatore del “Comitato Colli di Coppi“ è stato pubblicato su “l’inchiostro fresco” di Giugno 2016. Qui vi propongo la versione completa che per motivi di impaginazione sul giornale cartaceo è stata ridotta.




Il parco del Ciclismo dei Colli di Coppi

Dario Canciani – Il Parco del Ciclismo dei Colli di Coppi

I Colli di Coppi

Il territorio che si trova tra i comuni di Tortona, Novi Ligure e Volpedo con al suo centro Castellania ha una sua riconoscibilità “vocazionale” molto chiara: è quello dei campioni del Ciclismo leggendario (Giovanni Cuniolo, Costante Girardengo, i fratelli Fausto e Serse Coppi , Luigi Malabrocca), e di grandi artisti, primo tra tutti Giuseppe Pellizza da Volpedo, conserva un patrimonio artistico-architettonico di tutto rispetto e scorci paesaggistici di grande bellezza, ed infine luogo di grandi vini, la frutta, formaggi e salumi.

Il Comitato Valorizzatore

E’ proprio per questa ragione che un gruppo ristretto di amici1, con diverse esperienze e professionalità (dall’architettura e pianificazione territoriale alla comunicazione, dallo sport all’arte) hanno deciso di iniziare a lavorare su una idea di territorio. Il primo evento, datato 8 ottobre 2011 ed intitolato “Il territorio della Bici, la bici nel territorio” ha dato una risposta tale da portare alla nascita della APS Colli di Coppi2 il 10 marzo 2012, col seguente scopo: “attivare processi di sviluppo territoriale nel rafforzamento dell’identità locale, tramite attività sportive, culturali e di pianificazione del territorio, progetti di animazione territoriale tra cui una manifestazione cicloturistica nel nome di Fausto e Serse Coppi – La Mitica3 – da tenersi nei territori di Castellania e comuni limitrofi”.

L’Unione di Comuni

Appare subito molto chiaro che ci si deve muovere su due fronti distinti ma sinergici: uno prettamente pianificatorio-territoriale e l’atro sportivo-culturale (LaMitica) che serva da catalizzatore di tutto il processo. Sul primo fronte il Comitato organizza svariate riunioni e tavole rotonde con gli amministratori locali con i quali sì è esaminato (ad esempio) il fenomeno delle “ciclostoriche” e dei ritorni benefici sul territorio; le “Eurovelo” (le “autostrade ciclabili” europee); il progetto VENTO; la strategia della Liguria che ha trasformato tratti della ferrovia in piste ciclabili ed il fenomeno della “land art” (arte nel paesaggio).Tutto questo lavoro ha portato, il 25 giugno 2013, 26 Comuni a sottoscrivere a Castellania il “Protocollo d’intesa4.

Tra gli obiettivi dichiarati:

  • sviluppo di una rete di percorsi cicloturistici;
  • realizzazione di una specifica segnaletica dedicata;
  • promozione della rete di itinerari cicloturistici tramite mass media;
  • realizzazione di eventi, e quant’altro ritenuto opportuno.

Una volta siglato il Protocollo ed organizzato nel Febbraio del 2014 a Castellania un “World Cafè” incentrato su quattro tavoli-argomenti:

  • cultura e paesaggio.
  • ricettività.
  • sport e turismo attivo.
  • movimenti slow.

Il Parco del Ciclismo dei Colli di Coppi

Occorreva fare un passo ulteriore. A questo scopo i Colli di Coppi il 28 febbraio 2015 organizzano un grande evento, a Tortona, per presentare-consolidare il lavoro compiuto. Alla presenza di numerosi amministratori locali e nazionali, di sportivi e imprenditori locali e di un folto pubblico, il Comitato ha illustrato i passi e le analisi svolte mettendo di fatto in evidenza alcuni punti chiave: Il territorio deve dotarsi di un nome-brand che li renda riconoscibile a livello nazionale ed internazionale e quale nome migliore de “Il Parco del Ciclismo dei Colli di Coppi”; I Comuni aderenti al Protocollo, assieme a tutte le amministrazioni non ancora aderenti e i vari attori economici e sociali devono convergere in un unico sfaccettato progetto, ognuno facendo la propria parte come le tessere di un puzzle; vanno messe in campo azioni e microazioni che partono da sfere diverse ed orientate ad un unico fine: attrarre turismo responsabile e compatibile coi luoghi.

La Ciclostorica dei Colli di Serse e Fausto Coppi

Sul fronte “sportivo” il 1 luglio 2012 viene organizzata l’edizione zero de “LaMitica, una ciclostorica, (manifestazione sportiva non agonistica con biciclette e abiti sportivi d’epoca). Scopo dell’evento è di attraversare il territorio, assaporare con gli occhi, ma anche col palato, prodotti tipici ed unici: porta di accesso internazionale ai nostri luoghi, tradizioni e bellezze, perchè a queste manifestazioni partecipano appassionati di tutto il mondo. Questo “esperimento” dà al Comitato tutte le conferme: i partecipanti, oltre cento, sono entusiasti dei posti che hanno visto e dei “ristori”, ovvero delle soste “enogastronomiche lungo il percorso e non stanno nella pelle per l‘emozione di aver pedalato sulle strade del Mito.

Il 30 giugno 2013 parte la prima edizione ufficiale de LaMitica che registra un significativo incremento di partecipanti, confermando quindi che le scelte di fondo sono state capite ed apprezzate: i tre percorsi sui quali cimentarsi che toccano tutte le località rappresentative del territorio, la partenza ed arrivo da Castellania, i ristori e tutte le attività “collaterali”. Da lì si sono sviluppate le edizioni successive, sempre con incremento di partecipanti e di pubblico, diventando asse portante di attività connesse come “Bellezze in bicicletta-Tortona Retrò” che a Tortona anima la giornata della manifestazione.

Il lungo inverno di Castellania

Ma poiché “LaMitica” è un evento di grande importanza ma limitato nel tempo mentre l’azione sul territorio deve essere costante e duratura, nell’autunno-inverno 2013 si progettano e mettono in campo gli “Incontri Cicloletterari de LaMITICA”, ovvero serate in cui si invitano scrittori e giornalisti che presentano libri inerenti il ciclismo e lo sport e quindi, indirettamente, il territorio: nei rinfreschi che seguono immediatamente la presentazione, i produttori locali a turno (vino, salumi, formaggi,…) vengono invitati a far assaggiare i loro prodotti. Gli incontri hanno un grande successo grazie anche all’importanza ed autorevolezza degli autori invitati, tre nomi tra tutti: Beppe Conti-opinionista RaiSport, Alessandra De Stefano-RaiSport, e Claudio Gregori-Gazzetta dello Sport. Replicati con successo negli anni successivi, oggi gli incontri ciclo letterari rappresentano ormai un classico ed imperdibile appuntamento.

I Grandi Eventi

Nell’ottica di creare eventi “portale” per il territorio è nata la collaborazione con il Serravalle Designer Outlet che, nel giugno 2014 in contemporanea con l’“International Vintage Festival”, ha coinvolto il Comitato Colli di Coppi mettendo a disposizione de LaMITICA uno spazio espositivo di prestigio dedicato interamente alle biciclette d’epoca oltre alla possibilità di organizzare, sempre all’interno dell’Outlet una parata di ciclostorici con abbigliamento e bici d’epoca facendo diventare questa operazione un’azione di comunicazione straordinaria: la sinergia con un polo commerciale (il più grande Outlet d’Europa) che attira diversi milioni di visitatori all’anno, da tutto il mondo, non può essere trascurata nell’ottica del rilancio turistico del territorio.

Le sfide future

Detto tutto ciò, ora sta alla “comunità” credere nel progetto, “condividere gli obiettivi”, assumersi la responsabilità attiva di sviluppare concretamente le idee perché se lo sviluppo del territorio non è condiviso rimane solo una “utopia”.

Dario Canciani

http://collidicoppi.blogspot.it/




Foto di copertina di Giampaolo Pepe

NOTE
______________________
1-Il gruppo iniziale è composto da Pietro Cordelli, Paolo Greco, Matteo Massiglio e Dario Canciani

2- I soci fondatori dell’a.p.s. Colli di Coppi sono: Giampaolo Bovone, Dario Canciani, Pietro Cordelli, Giovanni Ferrari Cuniolo, Paolo Greco, Carlo Mangiarotti, Matteo Massiglio, Stefano Mogni, Paolo Sterpi, Filippo Timo, Sergio Vallenzona (Sindaco di Castellania) e Mario Zadra

3- “LaMitica” è un marchio registrato.

4- i sottoscrittori del Protocollo sono: Castellania, Avolasca, Berzano di Tortona, Borgetto di Borbera, Carbonara Scrivia, Carezzano, Casalnoceto, Cassano Spinola, Cerreto Grue, Costa Vescovato, Garbagna, Gavazzana, Montegioco, Novi Ligure, Paderna, Pontecurone, San Sebastiano Curone, Sant’Agata Fossili, Sardigliano, Sarezzano, Spineto Scrivia, Stazzano, Tortona, Vignole Borbera, Villalvernia e Villaromagnano.

L'inchiostro fresco di giugno 2016. La Mitica e il parco del ciclismo dei Colli di Coppi

2 Responses to "Il Parco del Ciclismo dei Colli di Coppi"

Rispondi