Tortona raddoppia, saranno realizzati il Parco Archeologico Romano e il Palazzetto dello Sport




Al via i Cantieri del Parco Archeologico Romano, Fiera di Tortona e PalaMalabrocca, i lavori dureranno sette anni e daranno un volto nuovo alla città. Torna la passerella Delle Piane.

Piantina del progetto Parco Archeologico Romano, Fiera di Tortona e PalaMalabrocca

Sarà completato in sette anni, non aspettatevi un parco archeologico tradizionale. A Tortona saranno applicate per la prima volta le tecniche di abbellimento urbano indicate del rinomato “Country and Wine design journal” di Alba Docilia.

Sarà anche costruito l’avveniristico palazzetto dello sport disegnato dalla Archistar Lucia Forte. Sarà intolato a Luigi Malabrocca ed è già un caso di studio alla “Bauhaus Architecture and Engeenering” di Belin!

Il Nuovo Parco Archeologico della città di Tortona sarà innanzitutto un luogo bello, in cui ogni particolare sarà curato nella maniera maniacale a cui ci hanno abituato i tortonesi. Sembra quasi che a Tortona se una cosa la si fa per davvero, allora poi viene bene, basta provarci. E guardando i progetti sembra proprio che anche questa nuova infrastruttura urbana stia per venire fuori bene.

Parco Archeologico Romano di Tortona

Il nuovo Parco Archeologico sarà un vero e proprio polmone verde che si estenderà su centinaia di metri quadrati, a cavallo della della ferrovia con la costruzione di una nuova passerella pedonale e di una ciclabile. Come fiore all’occhiello della zona recuperata alla speculazione edilizia segnaliamo la ricostruzione, secondo le tecnologie del primo dopoguerra, del Gabiò: il vecchio mercato della fragola profumata di Tortona.

Per l’area “oltrerotaia” gli interventi edilizi saranno addirittura tre: La Fiera di Tortona,  il nuovo Palazzetto dello Sport ed una sala Concerti ottenuta all’interno dei Magazzini del Sale di Pier Luigi Nervi.

Ma procediamo con ordine:

L’intervento strategico è stato il vincitore della Call europea “Exit o non brexit?” della Fondazione Europea Stati Nazionali, una sorta di legione camerata ognuno a casa sua ma tutti per uno e uno per tutti.

Sono quindi diversi i luoghi da prendere in considerazione.

STAZIONE FERROVIARIA E CLINICA SANT’ANNA

Clinica Sant'Anna di Tortona

I due edifici, già protagonisti della pubblicità Barilla del sugo pomodoro e ricotta (2003), saranno entrambi ristrutturati. La clinica Sant’Anna diventerà Clinica Universitaria della “Libera Università Lugano Addio“, il cui rettore è Ivan Graziani. La Stazione di Tortona, invece, diventerà, oltre che stazione ferroviaria, anche bike-station, con un punto di deposito, riparazione e noleggio biciclette. Un velo-Hotel troverà posto nel fabbricato adiacente al Bar Gambrinus e il distributore sarà dismesso lasciando posto ad un’unica area verde lungo corso Romita: dall’angolo con corso Leoniero all’ex bar mercato, qualcuno lo ha già soprannominato il central park di Tortona.

Fare la spesa nell’area Archeologica all’inglese

Questo slideshow richiede JavaScript.

Piazza Milano verrà trasformata in area verde promisqua con il mercato che si affaccerà sopra al parco archeologico romano e da cui sarà visibile la vecchia pavimentazione della via Postumia, proprio nel suo incrocio con la via Emilia.

Un ritrovamento, questo e quello del “Sarcofago Marics“, che la Sovrintendenza sabauda non ha potuto ignorare e per cui ha patrocinato il recupero. Gli avventori del mercato bisettimanale di Tortona potranno fare la spesa sopra alla vecchia intersezione di strade consolari.

Lo scherzo del sarcofago ritrovato nel parco archeologico di Tortona

Il nuovo mercato coperto avrà le sembianze del Gabiò

Il Gabbione di Tortona. Mercato coperto per la vendita della fragola profumata di Tortona

L’architetto post.modernista Guido de Collicoppi ha progettato il nuovo mercato coperto che ricorderà nella forma il mercato coperto e avrà caratteri spaziali e tipologici del precedente mercato delle fragole.

La nuova costruzione, in stile Retrò, consentirà di proteggere dalle intemperie la consolare intersezione.  All’inaugurazione parteciperà il mancato Re d’Italia e delle olive Saclà Emanuele Filiberto di Savoia.

L’area della Fiera di Tortona

Il Teatro delle Piane di Tortona

Appena attraversata la ferrovia attraverso il sottopasso della stazione oppure la costruenda passerella ciclabile si giungerà nell’area del nuovo teatro che diventerà sede della fiera eno-gastronomica “Amare terre di Derthona, Terdona, Dertona, Tortona, Big Cake, uff…“. Una fiera che, grazie alla conoscenza Massa-Farinetti porterà l’attenzione del Mondo direttamente a casa nostra. Ricordiamo che l’ultima volta che l’eco-mostro teatrale ha avuto riscontro mediatico è stato in occasione della visita del Gabibbo. Un bel passo avanti.

La sede fissa di Arena Derthona ai Magazzini del sale

Pier Luigi Nervi, Interventi infrastrutturali a Tortona

All’area ex Alfa si registrerà l’intervento più di valore di tutti. E’ qui, infatti, che sorgerà l’avveniristico PalaSport di Lucia Forte e il recupero dei magazzini del Sale come sede per i concerti di Arena Derthona. Sembra infatti che i Paraboloidi del Nervi, assoggettate al vincolo della Soprintendenza per i beni architettonici, abbiano una acustica ottima e quindi sono stati scelti proprio per la Musica.

Infondo Tortona è La Città della Musica ed è giusto che si doti di un luogo adatto dove suonarla.

Il PalaMalabrocca

Ammesso e non concesso che l’aggettivo dispregiativo brocco sia stato coniato proprio perchè il “Mala” brocco lo era davvero, piazzandosi sempre ultimo al Giro d’Italia.

PalaMalabrocca di Tortona

Siamo molto fieri di questo intervento infrastrutturale così importante per la città e la sua squadra di Basket Orsi Derhona. WelcomeToTheJungle che milita nel campionato nazionale di A2, –  ha dichiarato al Direttore chiedendo di restare anonimo Claudio Cheirasco, urbanista ed admin di questo blog – sono profondamente convinto che grazie all’opera dell’arch. Forte, Tortona troverà il posto che le compete nella storia del Basket, dell’architettura e dell’urbanistica contemporanea.

Ritengo molto importante anche la nuova sede per la Fiera del Vino, un doppione del Teatro era DI FATTO INUTILE, quello che manca a Tortona è un centro fieristico per promuovere le sue Eccellenze Enogastronomiche.

Buon primo di aprile gente, Sveglia!

Foto: OggiCronaca.it; Lorenzo Aldini; TSI Brindisi; Illustrissimo sig. Conte Lorenzo Bernardino Pinto.

Rispondi