La Casa del Giovane di Tortona è ora un libro di Fabio Lo Porto

La Casa del Giovane è stato l’oratorio della parrocchia del Duomo di Tortona, un luogo che per quarant’anni ha visto avvicendarsi le vite di generazioni di giovani tortonesi.

Sabato 20 novembre alle ore 15.30, presso la sa del Ridotto del Teatro Civico di Tortona in via Ammiraglio Mirabello 1, si terrà la presentazione del libro “Oratorio Casa del Giovane” di Fabio Lo Porto.

La Casa del Giovane è un luogo che ha conosciuto e formato le vite di molte persone: con questo taglio si è voluto raccontare in un volume la storia di 40 anni di attività dell’oratorio della parrocchia del Duomo di Tortona.

Un luogo che trae la propria ragion d’essere proprio del forgiare esperienze e ricordi di migliaia di persone che in circa quarant’anni hanno frequentato e animato le attività in quegli spazi. Storia e storie meritevoli di essere raccontate in un volume dedicato ai 40 anni di attività di una struttura fondata nel 1971 e da pochi giorni destinata a una diversa attività solidale, con la nuova apertura della mensa per i bisognosi allestita dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona.

Una sorta di chiusura di un capitolo, quindi, che ha generato l’idea di raccontare una parabola di 40 anni di attività, non in maniera cronologica o cronachistica, ma proprio con i vivi racconti e ricordi di tante persone che hanno frequentato la Casa del Giovane, contribuendo con il loro tempo e la loro presenza a renderlo un luogo preziosissimo per l’aggregazione e la formazione di intere generazioni.

Promotore dell’iniziativa di redigere un libro è stato Alfonso Lupo, che per tanti anni ha contribuito all’organizzazione delle attività all’oratorio, a redigere il testo Fabio Lo Porto, uno dei tanti ragazzi che negli anni Settanta e Ottanta ha frequentato quegli spazi. E la modalità di questo racconto è stato il contatto con tante altre persone che hanno voluto raccontare la storia non solo dell’oratorio ma anche di una parte della propria biografia personale di quegli anni, permettendo di ricordare luoghi, persone, momenti, eventi e, in senso più ampio, i mutamenti della società e delle mentalità giovanili e popolari attraverso i decenni e i cambiamenti di Tortona e delle sue modalità di partecipazione ad alcune forme di vita aggregativa.

Tante testimonianze, tanti ricordi anche di persone che non ci sono più, tante immagini contenute nel volume e tanti spaccati di via personale, coinvolgendo i sacerdoti che hanno avuto negli anni la responsabilità della struttura, i volontari che hanno collaborato alla gestione, tanti ragazzi che hanno dedicato il proprio tempo e appreso lezioni di vita e momenti di divertimento. Il tutto raccontato nei capitoli del volume realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona.

Alla presentazione, che si terrà con posti limitati a causa dell’emergenza pandemica, saranno distribuite le copie del volume ai presenti; a condurre l’incontro sarà il giornalista Stefano Brocchetti, che intervisterà l’autore del libro e coordinerà gli interventi degli ospiti: il Sindaco Federico Chiodi, il Vicesindaco Fabio Morreale, il Presidente del Consiglio Comunale Giovanni Ferrari Cuniolo, il Presidente della Fondazione Cr Tortona Pier Luigi Rognoni, oltre allo stesso Alfonso Lupo. Interverranno anche i parroci che hanno retto la Casa del Giovane in passato: Mons. Claudio Curone, Don Costantino Marostegan, Don Paolo Padrini e Don Francesco Larocca.

Commenta con Facebook


Iscriviti alla Newsletter di Tortona Oggi

Se ti iscrivi alla nostra Newsletter riceverai due numeri speciali a Natale e il Primo aprile. Siamo contro lo spam, per ora abbiamo in programma solo queste due spedizioni. Saranno edizioni molto curate e di qualità, delle vere chicche da non perdere. Saranno distribuite in anteprima esclusiva solo agli iscritti della nostra Newsletter.

Il servizio di newsletter consiste nell'invio di comunicazioni elettroniche a seguito della espressa richiesta del destinatario, per cui compilando ed inviando il seguente modulo ci darai automaticamente il consenso ad utilizzare i tuoi dati per questo scopo.