Da Bolzano a Santiago – Incontro con un Pellegrino lungo la Via Postumia

Sono sempre di più i pellegrini in viaggio sulla Via Postumia. Oggi ho incontrato Andrea Gecele, admin della pagina facebook “3 milioni di passi fino a Santiago”, che è partito da casa sua a Bolzano e sta raggiungendo a piedi Santiago de Compostela e poi Finisterra.




Continuano gli incontri con i pellegrini lungo la via Postumia

Andrea Gecele in cammino da Bolzano a Santiago
Andrea Gecele a Tortona

Oggi ho incontrato Andrea Gecele, admin della pagina facebook “3 milioni di passi fino a Santiago“, che è partito da casa sua a Bolzano e sta raggiungendo a piedi Santiago de Compostela e poi Finisterra.

L’ho incontrato a Tortona, in arrivo da un tappone di 40 chilometri che lo ha visto partire questa mattina da Codevilla, in provincia di Pavia.

Grazie all’intermediazione di Franco Cebrelli ho potuto incontrarlo e fargli qualche domanda.

Sei già stato a Santiago? Ci sono già stato tre volte, nel 2015, nel 2016 e poi l’anno scorso con mio figlio, insieme abbiamo percorso il Camino de la Plata, da Siviglia a Santiago per 1.100 chilometri.

Il mio sogno è sempre stato quello di iniziare un pellegrinaggio sull’uscio di casa, quest’anno sono riuscito a realizzarlo. Sono partito da casa mia a Bolzano e raggiungerò Finisterra.

Cosa ti spinge a camminare? Per me il cammino è un fatto spirituale perchè sono religioso. Inoltre il cammino mi fa sentire più vicino ai miei genitori che ho perso da molto tempo.

Come ti orienti lungo il cammino? Fino ad oggi mi è stato sufficiente seguire le frecce. La via Postumia, oltre ad essere molto panoramica, è anche ben segnalata e si percorre con facilità. Ho la traccia GPS che consulto al bisogno, è una sicurezza averla ma non serve quasi mai. Può capitare a volte di essere immersi nei pensieri e dimenticarsi di seguire la segnaletica. In quei casi è utile consultare la traccia GPS, più che altro per vedere di quanto si è fuori rotta.

Che itinerario stai seguendo? Sono partito sulla ciclabile Merano-Verona che passa da Bolzano. A Pastrengo mi sono immesso sulla via Postumia che sto attualmente percorrendo. Una volta a Genova percorrerò la Via della Costa Ligure fino a Ventimiglia. In Francia prenderò la Via Aurelia (Gr 653) da Mentone ad Arles. Da Arles andrò a Carcassonne. Sarà quindi la volta del Piemonte Tolemaico verso Lourdes e Saint Jean Pied de Port. Da lì prenderò il Cammino Francese per Santiago (che ho già fatto nel 2015), infine raggiungerò l’oceano a Finisterre.

Come ti trovi con le Accoglienze della Via Postumia? Sulla via Postumia anche da questo punto di vista non ci sono problemi, c’è una bella lista di accoglienze. Io se posso scelgo soluzioni “povere” in famiglia o presso enti religiosi, ma mi van bene anche i Bed and Breakfast. In Francia vedrò, perchè sono autonomo, ho un carrellino in cui custodisco tenda, materassino, sacco a pelo e una cucina da campo. In Spagna, poi, le accoglienze non sono un problema, si può spendere anche solo 5€ a notte.

Come trovi il tempo di camminare? Se per i pellegrinaggi degli anni scorsi mi sono sempre bastate le ferie estive, quest’anno il viaggio è particolarmente lungo, sono partito il 10 febbraio da Bolzano e arriverò a Finisterre a giugno, dopo circa 4 mesi di cammino. Per un periodo così lungo ho dovuto chiedere aspettativa.

Cosa ti piace del cammino? Soprattutto la possibilità che dà il cammino di incontrare gente nuova: altri pellegrini, contadini, avventori casuali, come Luca, un ciclista che mi ha sorpassato con la bici da corsa a Berzano di Tortona e poi è tornato indietro per dirmi che mi aveva riconosciuto e che mi stava seguendo su facebook, dove quotidianamente pubblico le foto e le notizie del mio cammino.

Molto piacevole è anche scambiare qualche battuta con gli Hospitalero, se ne ha sempre l’occasione una volta arrivati a fine tappa ed aver dedicato ancora un po’ di tempo a lavare se stessi e i panni, compilare il diario e pubblicare le foto del giorno. In cammino si conoscono veramente tantissime persone.

Che impressione ti ha fatto Tortona? Sono arrivato in città che erano già le cinque e ho potuto vedere molto poco, ho provato a visitare la Pinacoteca, ma purtroppo mi è andata male, era chiusa [Quello del trovare spesso chiusi i luoghi di interesse è un problema già segnalato da Andrea Vismara N.d.A.]

E Volpedo? Mi è piaciuta molto piazza Quarto Stato. Volpedo in generale è un paese molto piccolo ma anche molto bello.

Andrea Gecele al Santuario della Fogliata, lungo la via Postumia
Andrea Gecele al Santuario della Fogliata, lungo la via Postumia

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.