Riflessioni sulla situazione sanitaria di Tortona e del suo territorio

In un comunicato stampa diffuso nei giorni scorsi il Partito Democratico di Tortona chiede un confronto “vero” sul tema della sanità, che sembra non essere più nell’agenda della giunta tortonese…



Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa in cui, anche a livello locale, il PD chiede un confronto che non sia mero appannaggio di una maggioranza politica, ma sappia mobilitare tutte le forze politiche locali e l’intera società civile.

A chi scrive fa specie che un tema così abusato in campagna elettorale sia magicamente scomparso dall’agenda politica della “giunta che ci siamo regalati” non appena è stata eletta, ma tant’è. Qualche giorno fa avevo detto la mia sulla questione, quindi non sto a ripetermi, tanto le cose non sono cambiate. Buona lettura.

Riflessioni sulla situazione sanitaria di Tortona e del suo territorio

La pandemia causata dal Coronavirus, ci ha posti di fronte ad una emergenza sanitaria senza precedenti, che ci ha fatto comprendere il grande valore del nostro sistema sanitario pubblico e di tutto il personale che vi opera con passione e dedizione.

Senza un sistema sanitario pubblico, gli effetti  di questa pandemia sarebbero stati devastanti.

Superata l’emergenza, sperando non ci sia una seconda grave recrudescenza del virus, abbiamo bisogno di aprire un ampio confronto sui limiti, sulle possibilità e sulle prospettive del nostro servizio sanitario.

Abbiamo, infatti, dovuto constatare che questo sistema ha “sofferto” per la carenza di personale e di strutture adeguate, in particolare, le liste d’attesa che pesavano sui Cittadini già prima della pandemia, ora sono diventate una vera e propria emergenza della nostra sanità pubblica.

Va ricordato che in Italia, la spesa sanitaria costituisce il 6,5% del PIL, mentre  è il 9,6% in Germania e il 9,5 % in Francia.

La sanità pubblica costa circa 116 miliardi all’anno, tanto quanto gli italiani spendono nel gioco d’azzardo.

Quindi, non è poi così vero che in Italia si spende molto per la sanità, ma è vero che molte volte si spende male o si sprecano risorse. Per contro disporre di un sistema sanitario efficiente ed efficace può avere ricadute positive su tutto il sistema economico del Paese.

Le condizioni economiche, sociali e ambientali incidono pesantemente sull’indice di morbilità; la prevenzione deve quindi essere considerata prioritaria

L’esperienza di questi ultimi mesi ci ha ulteriormente dimostrato che non si deve concentrare l’attenzione e gli interventi solo sul sistema ospedaliero e sulla sua rete, ma che è fondamentale puntare ed investire sul potenziamento della sanità territoriale.

Se avessimo avuto una forte sanità territoriale, probabilmente le conseguenze della pandemia sarebbero state diverse, soprattutto in termini di perdite di vite umane e, sicuramente, si sarebbe evitata quella pressione che il sistema ospedaliero ha subito, portandolo ai limiti del collasso ed in alcuni casi all’impossibilità della sua fruizione, con gli effetti purtroppo nefasti sui pazienti non ospedalizzati e sui medici di medicina generale.

Riteniamo, quindi, che sia arrivato il momento di fare scelte chiare e concentrarsi sul fronte della prevenzione, a partire dal territorio, potenziandone i presidi, rivalutando la medicina di base e, nel contempo, agire sulla modernizzazione della rete ospedaliera, sulla crescita e sulla formazione del personale sanitario.

Oggi più che mai abbiamo bisogno di investire ed è per questo che riteniamo indispensabili le risorse del MES, al fine di avviare una grande modernizzazione del nostro sistema sanitario pubblico.

Se non ora, quando? Per tutto ciò, abbiamo bisogno che la politica governi concretamente il sistema sanitario nazionale, avendo una “visione sistemica di politica sanitaria”.

Solo così si può evitare che prevalgano interessi particolari, o peggio, esigenze lobbistiche.

Ed è in questo quadro più generale che noi dobbiamo ragionare e lavorare sul futuro della sanità nel territorio tortonese e della salute dei nostri Cittadini.

Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, la Regione dovrà, necessariamente, intervenire sulla sanità piemontese.

Proprio in questi mesi di emergenza la maggioranza di centrodestra che governa la Regione Piemonte ha dimostrato tutta la sua inadeguatezza. Per questo, vogliamo che il nostro territorio si riappropri del proprio destino e sia  protagonista nella gestione di questa fase. Esattamente in modo contrario a quanto accaduto negli scorsi mesi.

Il Sindaco di Tortona ha dichiarato pubblicamente, in più occasioni, che il nostro Ospedale avrebbe avuto, fuori dall’emergenza Covid, un ruolo maggiore e che sarebbe stato oggetto di investimenti importanti in vista di un suo potenziamento. A fronte di queste dichiarazioni abbiamo visto crescere, con il consenso dell’Assessore regionale alla Sanità Icardi, e del sindaco Chiodi, un’attenzione particolare sulla gestione del nosocomio tortonese da parte del gruppo privato “ Policlinico di Monza”. Interesse dichiarato sui giornali locali , sino al punto di partecipare in compagnia dello stesso  Assessore regionale alla Sanità ad una visita/sopralluogo  all’interno dell’Ospedale.

In sostanza pare proprio che la Regione e il Sindaco di Tortona stiano decidendo di assegnare ad un soggetto privato l’intera gestione di una struttura pubblica quale l’Ospedale cittadino.

Ci chiediamo se questa è  davvero la volontà politica dell’Assessore regionale Luigi Icardi e del Sindaco Federico Chiodi, entrambi esponenti della Lega, ma soprattutto ci chiediamo per fare che cosa e a che beneficio dei cittadini tortonesi e della salute nel nostro territorio.

Non abbiamo mai avuto e non abbiamo tuttora, un atteggiamento pregiudiziale sul ruolo del privato nella sanità, ma abbiamo sempre inteso il ruolo del privato, complementare e non sostitutivo del sistema sanitario pubblico. È evidente e anche legittimo che gli interessi siano diversi

Crediamo che sia arrivato il momento e che sia utile e indispensabile che di tutto ciò si discuta, in modo chiaro e pubblico nelle sedi opportune, ad iniziare dal Consiglio comunale di Tortona

Riteniamo, quindi, necessario che si avvii, quanto prima, un confronto franco e trasparente sui temi della salute dei Cittadini e degli strumenti che servono per garantirla e che questo confronto coinvolga tutte le forze vitali presenti nella nostra città e sul nostro territorio e non sia mero appannaggio di una maggioranza politica, ma sappia mobilitare tutte le forze politiche locali e l’intera società civile.

Circolo PD Tortona

Commenta con Facebook


Iscriviti alla Newsletter di Tortona Oggi

Se ti iscrivi alla nostra Newsletter riceverai due numeri speciali a Natale e il Primo aprile. Siamo contro lo spam, per ora abbiamo in programma solo queste due spedizioni. Saranno edizioni molto curate e di qualità, delle vere chicche da non perdere. Saranno distribuite in anteprima esclusiva solo agli iscritti della nostra Newsletter.

Il servizio di newsletter consiste nell'invio di comunicazioni elettroniche a seguito della espressa richiesta del destinatario, per cui compilando ed inviando il seguente modulo ci darai automaticamente il consenso ad utilizzare i tuoi dati per questo scopo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.