L’entusiasmo degli studenti del Marconi per la storia

Matteo Leddi fa toccare con mano la storia dell’Unità d’Italia agli studenti di quarta. Imparare la storia non è mai stato così facile.



ALLA CONQUISTA DELLA NOSTRA UNITA’ NAZIONALE

Matteo Leddi al Marconi

La classe 4^AR dell’I.I.S. Marconi sulle tracce della storia dell’unità d’Italia dal Risorgimento alle Guerre d’indipendenza.

Lunedì 11 marzo gli studenti della 4^AR Amministrazione, Finanza e Marketing dell’I.I.S. Marconi di Tortona hanno incontrato Matteo Leddi, giovane e già affermato storico e collezionista di reperti del periodo che va dalle Guerre d’Indipendenza alla Prima Guerra Mondiale, per un nuovo momento di approfondimento storico, questa volta incentrato sul Risorgimento e sull’unità d’Italia. In questa occasione, come ha dichiarato lui stesso, Matteo ha presentato la sua prima lezione sull’Unità d’Italia a degli adolescenti, dopo aver organizzato molte delle mostre storiche che, in questi ultimi anni, sono state allestite a Palazzo Guidobono e che hanno riscosso vivo successo e partecipazione di pubblico.

Attraverso il suo racconto ci siamo immersi in un tempo che sembrava relegato alle pagine dei libri, ma che gli aneddoti, le curiosità ed un ricco ed emozionante repertorio di documenti ed oggetti autentici dell’epoca, hanno invece reso vivo ed affascinante. Dal Congresso di Vienna del 1815, con cui le potenze europee ristabilirono l’assetto del territorio europeo com’era prima dell’avventura napoleonica allo sviluppo, nel 1820-1830, dei moti rivoluzionari e di società segrete, come la Carboneria e la Massoneria, che chiedevano libertà, indipendenza e soprattutto leggi scritte, abbiamo rivissuto l’entusiasmo e gli ideali che hanno portato all’unità del nostro Paese.

La Prima Guerra d’Indipendenza nasce dall’ideale di Carlo Alberto di unificare l’Italia, dichiarando guerra all’Austria per acquisire il lombardo-veneto ed alleandosi con la Francia e il Papa. Quest’ultimo, seguito dalla Francia, ruppe in seguito l’alleanza, lasciando il Savoia in inferiorità numerica. Dopo la dura sconfitta nella battaglia di Novara, Carlo Alberto abdicò in favore di Vittorio Emanuele II. Tra le figure più importanti di questa prima guerra Matteo ha ricordato il Generale Passalacqua, eroe caduto combattendo al fianco del Re e a cui è intitolata la caserma, ora sede dell’Amministrazione Comunale della nostra città.

Durante la Seconda Guerra d’Indipendenza Camillo Benso conte di Cavour, eccezionale figura di diplomatico e politico, riuscì a stringere una nuova alleanza con i francesi dell’Imperatore Napoleone III e, attraverso una provocazione, a riaprire il conflitto con l’Austria. Le atrocità delle battaglie di San Martino e Solferino, portarono ad una presa di coscienza nei confronti degli orrori della guerra, che si concretizzò, nel 1859, con la nascita della Croce Rossa. Negli anni 1860-1861 l’unione dell’Italia si realizzò finalmente grazie a Garibaldi, “l’eroe dei due mondi”, che insieme a mille volontari del Nord partì per la conquista del Regno delle Due Sicilie; con lui un altro eroe “nostrano”, il celebre Alberto Leardi di Viguzzolo.

La Terza Guerra d’Indipendenza vide la conquista dei rimanenti territori del Santo Pontificio e poi del Veneto nel 1866, grazie anche all’intervento della Prussia alleatasi con l’Italia per sconfiggere il rivale Impero Austro-Ungarico. Papa Pio IX, indignato dagli avvenimenti seguiti alla Breccia di Porta Pia, indisse alcuni dogmi, ovvero “verità inconfutabili di fede”, tra cui quelli per i quali i cattolici non avrebbero più dovuto partecipare alla vita politica e avrebbero dovuto assumere per vero e incontrastabile tutto ciò che veniva dichiarato dall’Autorità Papale.

Dall’Unità in poi, anche l’Italia intraprese, come molte altre nazioni prima di lei, un’intensa campagna colonialistica nel Corno d’Africa, acquisendo prima la Baia di Assab in Etiopia ed Eritrea e poi posizionando contingenti militari per ampliare il territorio. Subito dopo la Campagna di Libia e l’acquisto di altri porti, addirittura in Cina, propizi ad importanti scambi commerciali.

Matteo Leddi al Marconi di Tortona

L’incontro ha coinvolto l’intera classe ed è innegabile che le spiegazioni di questo giovanissimo studioso, quasi nostro coetaneo, così appassionato alla storia e agli eventi che hanno caratterizzato la nascita della nostra nazione, ci abbiano portati ad una riflessione personale sugli ideali delle generazioni passate, ideali e sacrifici grazie ai quali si sono concretizzati i principi costituzionali e che hanno faticosamente, spesso dolorosamente, unito le differenze politiche, geografiche e sociali dell’intera penisola nel nome di un’identità comune, di una lingua, di una cultura e di un’umanità meravigliose.

Luigi GRILLO – 4^AR Amministrazione, Finanza e Marketing



Iscriviti alla Newsletter di Tortona Oggi

Se ti iscrivi alla nostra Newsletter riceverai due numeri speciali a Natale e il Primo aprile. Siamo contro lo spam, per ora abbiamo in programma solo queste due spedizioni. Saranno edizioni molto curate e di qualità, delle vere chicche da non perdere. Saranno distribuite in anteprima esclusiva solo agli iscritti della nostra Newsletter.

Il servizio di newsletter consiste nell'invio di comunicazioni elettroniche a seguito della espressa richiesta del destinatario, per cui compilando ed inviando il seguente modulo ci darai automaticamente il consenso ad utilizzare i tuoi dati per questo scopo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.