Un evento di approfondimento prima dell’imminente chiusura della mostra sui Boxilio al Museo Diocesano di Tortona

Conclusa dal nostro Vescovo mons. Viola e moderata da Lelia Rozzo, la tavola rotonda sui Boxilio ha visto la partecipazione di due storici e tre funzionari delle soprintendenze.



Nuovi spunti a più voci

Sabato 2 marzo, nella sala conferenze del Polo Culturale Diocesano, si è tenuto il dibattito “Tavola rotonda intorno ai Boxilio – Nuovi spunti a più voci” in vista della conclusione, prevista per il 10 marzo, dell’esposizione temporanea dedicata ai Boxilio, una famiglia di pittori originari di Castelnuovo Scrivia, attivi tra la fine del ’400 e gli inizi del ’500. Nella fiorente bottega tortonese operarono due fratelli, Manfredino e Beltramo, e nella stessa si formarono i loro rispettivi figli, Franceschino e Giovanni Quirico, entrambi documentati sino al 1522. Sono state esposte opere particolarmente significative: il polittico, recentemente restaurato, di proprietà della parrocchia di Carbonara Scrivia, il trittico di Pozzolo Formigaro, commissionato a Franceschino per la chiesa della Trinità di Pozzolo, attualmente di proprietà della Provincia di Alessandria, normalmente custodito nel salone di ricevimento di Palazzo Ghilini, ed il grande polittico della Visitazione firmato nel 1503 da Giovanni Quirico, oggi conservato nella quadreria dell’Ospedale di Vigevano.

Sono intervenuti: Fulvio Cervini, docente di Storia dell’Arte Medievale presso l’Università di Firenze, Gianluca Ameri, ricercatore presso il Dipartimento di Italianistica, Romanistica, Antichistica, Arti e Spettacolo dell’Università di Genova, Benedetta Chiesi, funzionario di zona della Soprintendenza lombarda, Massimiliano Caldera e Valeria Moratti, funzionari della Soprintendenza di Torino. Ha moderato le relazioni Lelia Rozzo, responsabile dell’Ufficio Diocesano Beni Culturali.

Il dibattito si è aperto con l’intervento di Fulvio Cervini, che ha tracciato un’originale parallelismo tra le opere dei Boxilio esposte nel nostro Museo ed alcuni esemplari scultorei coevi visibili nella mostra “Alessandria Scolpita (1450 – 1535)”, tuttora in atto presso Palazzo Monferrato ad Alessandria. Anche Gianluca Ameri e Massimiliano Caldera hanno proseguito su questa particolare linea, proponendo una chiave di lettura innovativa delle opere dei Boxilio e di altre maestranze contemporanee che hanno lasciato testimonianze sia pittoriche che scultoree non solo nelle chiese della nostra zona, ma anche di area genovese e lombarda.

Benedetta Chiesi si è invece soffermata sulle difficoltà logistiche legate all’organizzazione della mostra ed in particolare relative al trasporto del maestoso polittico della Visitazione dalla quadreria dell’ospedale di Vigevano ai locali del Museo Diocesano.

Valeria Moratti ha rimarcato la necessità della collaborazione tra gli Uffici Beni Culturali delle Diocesi e le Soprintendenze, affinché si possa dare concretizzazione ai tanto decantati concetti di conservazione, tutela e promozione dei beni culturali ecclesiastici.

Ha concluso l’incontro Mons. Vescovo Vittorio Viola, che ha proposto ai presenti una pregnante riflessione sul valore iconologico delle opere d’arte sacra.

Il periodo dedicato ai Boxilio terminerà domenica 10 marzo con l’ultimo itinerario sul territorio alla scoperta dei diversi edifici ecclesiastici nei quali essi operarono: la pieve di Santa Maria a Novi Ligure, l’abbazia di Santa Maria a Rivalta Scrivia, la Pieve di San Pietro a Volpedo, la Chiesa di Santa Maria a Pontecurone, la chiesa parrocchiale ed il castello di Castelnuovo Scrivia. Gli edifici saranno aperti grazie alla collaborazione delle associazioni di volontariato diocesano con possibilità di visite guidate gratuite, dalle ore 15 alle 17. In contemporanea il Museo Diocesano propone una visita guidata incentrate sulle opere dei Boxilio presenti in museo con inizio alle ore 17,30. (Per info e prenotazioni contattare l’Ufficio Beni Culturali al numero 0131.816609)



Iscriviti alla Newsletter di Tortona Oggi

Se ti iscrivi alla nostra Newsletter riceverai due numeri speciali a Natale e il Primo aprile. Siamo contro lo spam, per ora abbiamo in programma solo queste due spedizioni. Saranno edizioni molto curate e di qualità, delle vere chicche da non perdere. Saranno distribuite in anteprima esclusiva solo agli iscritti della nostra Newsletter.

Il servizio di newsletter consiste nell'invio di comunicazioni elettroniche a seguito della espressa richiesta del destinatario, per cui compilando ed inviando il seguente modulo ci darai automaticamente il consenso ad utilizzare i tuoi dati per questo scopo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.