Volpedo – Per l’XI Biennale Pellizziana apre la mostra «Visioni di Volpedo»

Nella casa studio del pittore sono raccolte una serie di opere giovanili in cui Giuseppe Pellizza ha ritratto Volpedo e i suoi dintorni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Visioni di Volpedo è la mostra di Pellizza allestita allo Studio di Volpedo, evento centrale della Biennale 2021 – XI edizione. Nell’atelier dell’artista recentemente riallestito sono esposti paesaggi e vedute intesi come visioni perché rappresentano uno sguardo su Volpedo, non privo di emozione, che Pellizza ancora giovane rivolge a scorci amati e conosciuti per riflettere e sperimentare la pittura di paesaggio. Opera centrale La piazza di Volpedo, tela di ritorno da un accurato restauro che restituisce, oltre al vigore dei colori, anche novità  importanti: infatti, è per la prima volta leggibile in maniera nitida la data apposta dal pittore (1889) e un dipinto sul retro, che attesta il riutilizzo della tela per dipingere la veduta della piazza del paese.

In verticale e con colori diversi, dunque, Pellizza aveva già incominciato su quel supporto un paesaggio di montagna, impostato attraverso ripidi tagli dello spazio e realizzato con  pennellate memori dei Macchiaioli. Non è un azzardo avvicinare questa realizzazione agli studi sul paesaggio raccomandati da Giovanni Fattori, l’esponente della pittura macchiaiola di cui Pellizza fu allievo all’Accademia di Belle Arti di Firenze nel corso del 1888. Proprio l’esigenza di applicarsi nell’esecuzione dal vero – inteso come concentrato di spazio, luce ed emozione – aveva indotto il giovane artista a lunghe sedute en plein air sia in Volpedo che nei dintorni, fino ai picchi più alti dell’Appennino. È sempre dell’88, infatti, una gita al Giarolo attraverso l’alta Valle Curone, documentata negli scritti dell’artista, a cui può  riferirsi l’immagine del retro, che entra solo ora nel catalogo pellizziano anche perché, probabilmente negli anni venti/trenta, larghe fasce di tela erano state incollate lungo tutti i bordi, limitandone la visione.

La piazza di Volpedo dialoga con il vivace bozzetto che riproduce, in taglio differente, il medesimo soggetto e con altre vedute del borgo, riprese in periodi differenti (Volpedo sotto la neve) e da prospettive differenti (Volpedo da Monleale) sempre nel biennio 1888-1890, una stagione felice di vita e di pittura.

La mostra sarà presentata durante l’inaugurazione della Biennale sabato 4 settembre alle ore 17 in piazza Quarto Stato e sarà visitabile fino al 3 ottobre nei giorni di venerdì, sabato e domenica dalle 15 alle 18.

Il programma della Biennale e tutte le informazioni sono disponibili QUI oppure sul sito pellizza.it.

Commenta con Facebook


Iscriviti alla Newsletter di Tortona Oggi

Se ti iscrivi alla nostra Newsletter riceverai due numeri speciali a Natale e il Primo aprile. Siamo contro lo spam, per ora abbiamo in programma solo queste due spedizioni. Saranno edizioni molto curate e di qualità, delle vere chicche da non perdere. Saranno distribuite in anteprima esclusiva solo agli iscritti della nostra Newsletter.

Il servizio di newsletter consiste nell'invio di comunicazioni elettroniche a seguito della espressa richiesta del destinatario, per cui compilando ed inviando il seguente modulo ci darai automaticamente il consenso ad utilizzare i tuoi dati per questo scopo.

2 Responses to "Volpedo – Per l’XI Biennale Pellizziana apre la mostra «Visioni di Volpedo»"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.