PSA – Primo caso a Roma Capitale, CIA Alessandria denuncia misure inadeguate

Ora che la Peste Suina Africana è arrivata a Roma, scopriremo se anche la nostra capitale dovrà essere recintata…

Riceviamo e pubblichiamo da CIA Alessandria

Il caso di Peste suina trovato a Roma (parco dell’Insugherata, dentro il raccordo anulare) trasforma l’allarme alessandrino sul fenomeno in emergenza nazionale.

La presidente provinciale Cia Alessandria Daniela Ferrando rileva che: ”Questa emergenza era già stata drammaticamente preannunciata, per il proliferare indisturbato dei cinghiali in tutta Italia e per l’assenza di una legge adeguata di gestione della fauna selvatica. La notizia del cinghiale infetto, confermata dallo stesso Commissario straordinario per la Psa, Angelo Ferrari, ci dice che occorre superare le misure blande per interventi di controllo e contenimento del fenomeno reale e a tappeto”.

Cia Alessandria continua a insistere sul problema, anche attraverso gli organi di informazione nazionale (Mi Manda Rai Tre dedica una parte della puntata di sabato 7 maggio sul caso alessandrino) e attraverso le manifestazioni di protesta (come organizzato a Rossiglione alcune settimane fa) e gli incontri istituzionali a tutti i livelli.

Il problema non è in via di risoluzione ma anzi continua ad aggravarsi, sostiene l’Organizzazione. Il caso romano lo dimostra. Senza pensare al disastro che causerebbe se la Psa arrivasse a toccare la vicina Emilia Romagna: metterebbe in ginocchio il sistema suinicolo italiano intero e il Made in Italy.

In Cia si evidenzia che sono anni che si fa la conta dei capi a scorrazzare nei campi di tutta Italia. Sono diventati più di 2,5 milioni; dei danni all’agricoltura, aumentati del 60% nell’ultimo anno e degli incidenti stradali causati degli ungulati, quasi 500 tra 2018 e 2021. Serve da troppo tempo un monitoraggio vero e una riforma della Legge 157 datata 1992 che abbiamo concretamente proposto, punto per punto, almeno 4 anni fa.

Dunque, il caso emerso ora a Roma non fa che rafforzare la preoccupazione lungamente manifestata da Cia e l’allargarsi dell’area, oltre 500 km dalla zona rossa di Liguria e Piemonte, palesa una gestione inefficiente e inefficace dell’emergenza PSA e fauna selvatica, l’inadeguatezza dei provvedimenti presi fino a questo punto, anche con la nomina del commissario straordinario all’emergenza.

Foto: Roma Corriere

Commenta con Facebook


Iscriviti alla Newsletter di Tortona Oggi

Se ti iscrivi alla nostra Newsletter riceverai due numeri speciali a Natale e il Primo aprile. Siamo contro lo spam, per ora abbiamo in programma solo queste due spedizioni. Saranno edizioni molto curate e di qualità, delle vere chicche da non perdere. Saranno distribuite in anteprima esclusiva solo agli iscritti della nostra Newsletter.

Il servizio di newsletter consiste nell'invio di comunicazioni elettroniche a seguito della espressa richiesta del destinatario, per cui compilando ed inviando il seguente modulo ci darai automaticamente il consenso ad utilizzare i tuoi dati per questo scopo.