Approvata oggi la legge quadro per l’agricoltura della Regione Piemonte

Approvata oggi una legge su cui si è lavorato parecchio, ascoltando le istanze del territorio; nel giorno di San Martino era stata discussa a Costa Vescovato.



Una legge attesa che salvaguarda il territorio

Qui di seguito il comunicato stampa con cui la Regione Piemonte dà la notizia dell’approvazione della nuova legge, avvenuta a quarant’anni dalla legge 63 “Interventi regionali in materia di agricoltura e foreste”.

Una legge, si era detto a Costa Vescovato, che mette insieme tutte le forze politiche, che almeno riguardo al tema del territorio riescono a viaggiare unite.

Snellimento delle procedure burocratiche e accorpamento di molte leggi e leggine sedimentate negli anni precedenti; approvata la banca della terra per permettere l’uso agricolo dei terreni incolti, senza intaccare il diritto di proprietà neanche mediante l’Usucapione; maggiore tutela della lavorazione e della trasformazione dei prodotti da parte delle piccole realtà contadine. Agenda digitale (=banda larga anche nelle areee periferiche, indispensabile per un’efficiente agricoltura di precisione); riconoscimento e valorizzazione delle delle piccole realtà contadine. Forza Italia e Lega Nord avrebbero invece preferito concentrare le risorse sull’agricoltura produttiva tradizionale “che per essere più competitiva deve essere di stampo industriale“.

Approvata la nuova Legge regionale per l’agricoltura

La notizia data dalla Regione Piemonte

Il Piemonte ha una nuova legge quadro per l’agricoltura: il testo è stato approvato a larga maggioranza (38 favorevoli e 3 astenuti) dal Consiglio regionale nella seduta odierna.Il riordino delle norme in materia di agricoltura e di sviluppo rurale, come ha spiegato l’assessore Giorgio Ferrero, ha comportato l’abrogazione di 35 delle 45 leggi vigenti, oltre a cinquanta articoli in materia, contenuti nei vari provvedimenti regionali. La legge, con le relative abrogazioni, entrerà in vigore all’atto dell’approvazione del Bilancio regionale, in quanto attualmente è in vigore l’esercizio provvisorio.

Fra le principali novità, figurano la banca della terra, proposta dal M5s, per permettere l’uso agricolo dei terreni incolti; la tutela di manufatti come muretti a secco, piloni di pietra dei vigneti, siepi o filari di alberi con valore storico (Gianluca Vignale di Msn); maggiore tutela della lavorazione e della trasformazione dei prodotti da parte delle piccole realtà contadine, strumento per la difesa del territorio, dell’ambiente e della genuinità degli alimenti (Walter Ottria, Leu); l’agenda digitale per adeguare l’agricoltura all’evoluzione informatica della Pubblica amministrazione italiana

Si tratta di una vera e propria legge quadro necessaria per snellire, semplificare e rendere attuale la legislazione regionale, alla luce della trasformazione dell’imprenditoria agricola e della sfida ambientale e climatica. Abbiamo voluto soprattutto offrire attenzione ai territori più fragili e alle imprese più piccole, dove è necessario creare opportunità”, ha aggiunto Ferrero.

Il quadro d’insieme del resto è mutato, a cominciare dalla riforma delle politiche comunitarie che sta entrando nelle agende politiche in questi mesi e che si rifletterà sul quadro normativo nazionale e piemontese: quando la vecchia legge fu approvata c’erano le politiche agricole che privilegiavano l’incremento produttivo attraverso il sostegno dei prezzi, il ritiro dal mercato delle eccedenze e l’agevolazione dei fattori di produzione, in un mercato europeo altamente protetto dalla concorrenza internazionale e nel quale i consumi erano molto più standardizzati di oggi.

A quasi quarant’anni dalla legge 63 “Interventi regionali in materia di agricoltura e foreste”, arriva questa norma di riordino, che intende anche proporsi come legge quadro per gli interventi regionali in materia di sviluppo agricolo, agroalimentare, agroindustriale e rurale destinata a durare nel tempo.

Nel corso del dibattito è stato messo in risalto lo spirito propositivo del confronto tra la Giunta e le varie forze politiche in terza Commissione (presidente Raffaele Gallo) e nel tavolo di lavoro.

Domenico Rossi (Pd) ha svolto la relazione di Maggioranza, soffermandosi sullo sforzo di conciliare “la complessità del presente e la velocità con cui oggi si presentano i cambiamenti”.

Per Mauro Campo (M5s), relatore di Minoranza, “il limite di questa legge è che per molti temi si tratta di un riporto delle norme esistenti, pur apprezzando in gran parte i cambiamenti effettuati”.

Tra i vari interventi, quello di Paolo Mighetti (M5s) ha riguardato le filiere, che dovrebbero “generare il giusto prezzo pagato agli agricoltori”. Vignale ha sottolineato l’importanza per il Piemonte di salvaguardare la propria cultura agricola così come Ottria è ritornato sul ruolo delle piccole realtà contadine, mentre per Andrea Tronzano (Fi) “nel testo manca la valorizzazione dell’agricoltura produttiva tradizionale”.

Gianpaolo Andrissisi è soffermato su quello che considera il punto di partenza fondamentale: “la globalizzazione economica ha messo in crisi anche l’agricoltura”.

In controtendenza è stata la posizione assunta da Gianna Gancia (Lega Nord): “Ci saremmo aspettati che questo riordino avesse un respiro molto più ampio, nella concezione che per essere più compettitiva l’agricoltura deve essere di stampo industriale”.

Fonte: Consiglio Regionale del Piemonte

L’intervento di Giorgio Ferrero a Costa Vescovato

One Response to "Approvata oggi la legge quadro per l’agricoltura della Regione Piemonte"

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.